Parma Calcio: Liverani arrivato per puntare alla salvezza

Il Parma dopo la rivoluzione tecnica delle passate settimane che ha portato all’allontanamento del Direttore sportivo Daniele Faggiano e soprattutto dell’allenatore Roberto D’Aversa, sta portando avanti il nuovo progetto quello che alla base ha il nuovo mister Fabio Liverani, arrivato da una stagione deludente vista la retrocessione del suo Lecce.

Proprio l’ex centrocampista è stato interrogato sulla situazione della squadra e su ciò che ci si dovrà attendere dalla stagione che sta per ripartire, ma le sue prime dichiarazioni si sono concentrate sul motivo della scelta dei “Ducali”: “Il motivo della scelta è sicuramente il d.s. Carli. E poi l’organizzazione: avere un centro sportivo di livello mondiale è fondamentale. E la qualità della rosa sulla quale posso lavorare è di ottimo livello: si può competere per la salvezza e lottare ad armi pari con tutti. E magari, alla fine, arriva anche qualcosa di più“.

Liverani ha anche aggiunto: “Non credo che ci sia un ridimensionamento. Ci sono da mettere dentro giocatori di prospettiva mantenendo un’ossatura importante. Si possono fare quelle 2-3 cessioni, come fanno anche le altre squadre ma questo non vuol dire ridimensionare. Significa riprogettare per poi andare avanti e mantenere il livello attuale che è buono per una realtà come Parma. Qui si curano i minimi dettagli e, specialmente per una squadra che deve lottare per non retrocedere, credo sia un aspetto importante. Nello stesso tempo c’è voglia di stupire. I proprietari hanno dato un messaggio, ma loro sono i primi tifosi e sono convinto che se ci saranno da fare dei sacrifici, da qui a fine mercato, li faranno. Quest’anno è un mercato particolare. È vero che c’è quest’obiettivo, ma è anche vero che da altre parti non c’è tutta questa liquidità, dunque il progetto di vendere o di abbassare l’età media si può spostare anche alla prossima stagione. L’input che ho dalla proprietà non è quello di svendere, ma di vendere: dunque, se non arrivano offerte adeguate alla qualità dei calciatori, non siamo un club che deve svendere“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *