André Onana saluta l'Inter ed il popolo nerazzurro.

Il portiere del Camerun è in procinto di raggiungere i nuovi compagni al Manchester United ed ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole.

"L'Inter è un sentimento, per questo resta dentro. Ho rivisto i miei compagni ad Appiano e ora ho tanta voglia di iniziare questa nuova esperienza, entusiasmante e con un allenatore come ten Hag che per me è un maestro. Andrò in un grande campionato e in un grande club, che ha una storia enorme proprio come quella dell'Inter: ricomincio da zero e darò tutto ogni giorno per mostrare ai nuovi tifosi chi sono. Ma una parte del mio cuore è triste: lasciare l'Inter significa lasciare una famiglia, non una normale squadra. Ho capito che essere dell'Inter è un modo di stare al mondo, di vivere la vita".

"L'importante è essere onesti e dire sempre la verità alla gente. Io sono una persona che vuole sempre nuove sfide. Giocare in Premier e per un club come lo United è irresistibile. Tutte le parti volevano che ciò accadesse, ma ciò che conta è che se fossi rimasto sarei stato ugualmente felice perché all'Inter non ho mai avuto alcun problema. Anzi, a Milano è nata una magia che è quasi difficile da spiegare, una scintilla con l'ambiente. So che potrò girare il mondo, ma sarà difficile trovare tifosi così e una curva come quella dell'Inter. San Siro e il popolo nerazzurro mi hanno regalato emozioni uniche che non dimenticherò per il resto della vita. In alcune partite eravamo una cosa sola: avevo la sensazione di non giocare in 11, ma in 80mila. Poter viverlo dall'interno è stato un privilegio che il calcio e la vita mi hanno dato. Forse la settimana più entusiasmante è stata quella delle semifinali di Champions, per ciò che rappresentava per la città e i tifosi: lì ho sentito davvero tremare lo stadio. È stato bello anche festeggiare la Coppa Italia coi compagni cantando e ballando".

"La finale di Champions League persa a Istanbul? Mi resta orgoglio e tristezza. Non sapete quanto mi sarebbe piaciuto portare la coppa a Milano, festeggiarla con la nostra gente. Siamo stati vicini a sfiorarla, ce la saremmo meritata: abbiamo giocato contro il Manchester City a testa alta, sono mancati solo dettagli, ma questo è il calcio. Personalmente spero di vincere la Champions con il Manchester United, ma spero che anche l'Inter rigiochi una finale e la vinca. Lo meritano tutti i tifosi, sia quelli venuti a Istanbul che ci hanno fatto giocare come se fossimo in casa, sia quelli che hanno spinto e continueranno a spingere da fuori".

"All'Inter sapevo che sarei andato in un grande club, con grandi giocatori, ma ho trovato di più. Anche se in campionato non è andata come volevamo, la Champions ci ha riuniti. La chiamano 'pazza Inter': forse perché sono un po' pazzo anche io, ma è la definizione più bella del mondo. Ho un ottimo rapporto con tutti, posso nominare veri amici come Calhanoglu, Cordaz, Lukaku e Dumfries. Ma voglio citarne un altro, Handanovic: il suo compito non è stato facile, e invece con me è sempre stato corretto. I suoi consigli e insegnamenti mi hanno reso migliore e li terrò con me, mi aiuteranno in questa nuova avventura a Manchester".

"'Grazie' è la parola che voglio usare: la dico a tutti i lavoratori della Pinetina e della società, ai dirigenti, al presidente, al mister, ai compagni. Ma soprattutto ai tifosi: ho sentito che mi volevano davvero bene. Ho giocato a Milano un anno, ma sarò interista per sempre: ora tiferò davanti alla tv. Auguro all'Inter di vincere subito lo scudetto che ci è mancato: so quanto tutti vogliano la seconda stella, spero sia arrivato il momento di metterla sul petto!".

"Chi lascia l'Inter spesso vuole tornare? Chissà, la vita è imprevedibile, magari un giorno tornerò anch'io... E, se mai succederà, sono sicuro che le persone mi abbracceranno come adesso perché hanno imparato a conoscermi. Io, intanto, non smetterò di cantare quel coro che mi piace così tanto: 'E' per la gente che ama soltanto te, per tutti quei chilometri che ho fatto con te, Internazionale devi vincere!".

 

Cosa dite, rivedremo il camerunense in Italia prima o poi?


💬 Commenti

Calcioline.com è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 1289/2009.

Alcune foto di questo blog e del relativo profilo e/o sito sono state reperite sul web.
Ove fosse stato violato il diritto di copyright, prego i proprietari di darne avviso alla mail [email protected] per la relativa rimozione.

Ogni testo e foto di proprietà di Calcioline.com non possono essere copiati o riprodotti, senza autorizzazione, ai sensi della normativa n.29 del 2001.

Powered by Slyvi