Champions League: Napoli-Salisburgo 1-1, Lozano non basta per la qualificazione

Il Napoli avrebbe voluto festeggiare davanti al proprio pubblico la qualificazione agli ottavi di finale della Champions League con due turni di anticipo, ma il Salisburgo e soprattutto il solito Haaland hanno deciso di rovinare la festa partenopea. La squadra campana, in un momento di forma precario, ha sprecato, rischiando anche di finire peggio, ma alla fine ha pareggiato una gara che non si era messa bene.

Nel quarto turno del Gruppo E il Napoli ha trovato il pareggio contro gli austriaci dopo essere stato in svantaggio. Gli ospiti, mai preoccupati di essere difronte al più prestigioso Napoli, sono scesi al “San Paolo” con l’intenzione di vincere. All’11’ la formazione di mister Marsch trova il vantaggio con un penalty trasformato dal gioiellino Haaland.

Da questo momento per il Napoli comincia l’inseguimento che si concretizza solamente al termine della prima frazione con Hirving Lozano. Gli azzurri giocato, creano, ma non vanno oltre un palo di Callejon e un traversa centrata da Lorenzo Insigne al 73′. Finisce così 1-1 con la squadra di Carlo Ancelotti che scivola al secondo posto in classifica, superato di un punto dal Liverpool, ma mantenendo quattro punti di vantaggio sul Salisburgo.

IL TABELLINO
NAPOLI-SALISBURGO 1-1
Marcatori: 11′ rig. Haaland (S), 44′ Lozano (N)
Napoli (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui (1′ st Luperto); Callejon, Zielinski, Ruiz, Insigne; Mertens (28′ st Milik), Lozano (41′ st Llorentev). A disp. Ospina, Elmas, Hysaj, Manolas. All.: Ancelotti
Salisburgo (5-3-2): Coronel; Kristensen, Pongracic (1′ st Mwepu), Onguéné, Wober, Ulmer; Minamino (16′ st Ashimeru), Junuzovic, Szoboszlai; Haaland (30′ st Daka), Hwang. A disp. Kohn, Vallci, Koita, Ramalho. All.: Marsch
Ammoniti: Onguéné, Pongracic (S); Zielinski (N)
Espulsi: nessuno
Arbitro: Marciniak (Polonia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *