Atalanta: Papu Gomez resta con l'obiettivo Champions League

L’Atalanta è riuscita nell’impresa di arrivare terza in campionato e quindi di accedere alla prossima edizione della Champions League. Un traguardo storico che ha permesso al presidente Antonio Percassi di trattenere il tecnico Gian Piero Gasperini e probabilmente l’ossatura principale della squadra che ha permesso di raggiungere un tale successo.

Tra i grandi protagonisti della stagione della “Dea” c’è sicuramente Alejandro “Papu” Gomez, capitano della formazione bergamasca che resterà alla guida dei nerazzurri anche nella prossima stagione. Il calciatore argentino ha detto: “Faccio sempre fatica a dormire dopo le partite, la testa continua a girare e la mente ripercorre a lungo le immagini del match. Per quanto riguarda l’attesa, magari a volte sei più nervoso e in ansia in vista di un big match, ma ormai siamo professionisti e ce la viviamo serenamente“.

Gomez ha anche sottolineato un suo pensiero su come sia cambiato il calcio nel tempo: “Prima i calciatori stavano di più in campo, restavano ad allenarsi ore e ore per migliorarsi. Chi per esempio doveva migliorare a fare i cross si tratteneva a fare 40-50 cross. Il calcio ora è cambiato, siamo più atleti e si curano più gli aspetti fisici che quelli tecnici. Io penso però che la parte tecnica sia quella che fa la differenzia. Correre possiamo correre tutti, anche mio padre di 60 anni, ma leggere il calcio e toccare bene la palla è la cosa più importante. I giovani di oggi invece stanno più in palestra che in campo. Ci sono tantissimi esempi che insegnano che, anche se non hai il fisico di Cristiano Ronaldo, grazie alla tecnica puoi giocare comunque ad altissimi livelli“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *