Inter: Mancini e le rivelazioni sui nerazzurri

Roberto Mancini, grande ex dell’Inter, che sulla panchina dei nerazzurri ha avuto la possibilità di sedere in ben due occasioni, ha raccontato alcuni aneddoti: “Con me c’era confusione, non si capiva chi decideva. È diverso. Noi avevamo rifondato la squadra, ora la squadra ha due anni di esperienza in più e tanti di milioni investiti“.

Il tecnico jesino ha proseguito sottolineando: “Noi chiudemmo l’andata in testa pur avendo lacune evidenti. A quel punto servivano acquisti a gennaio per reggere il passo, invece si parlava solo di vendere. Un club come l’Inter non può ragionare solo per arrivare in Champions, deve progettare per vincere“.

Poi ecco arrivare un paio di specifiche su Gabigol e Kovacic: “Gabigol? Era giovane, sarebbe stato meglio darlo subito in prestito. Joao Mario era identico a Brozovic. A me serviva altro. Una punta rapida, capace di attaccate le difese chiuse. Ma a quel punto erano già stati spesi i soldi e non si capiva chi decideva. C’era confusione. Kovacic? Abbiamo avuto anche confronti duri tra noi. Gli dissi: “Rifiuta tutto ed esplodi qui!” Ci credevo. Ma arrivò il Real e c’era bisogno di soldi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *